Immersa tra i vigneti di Monforte d’Alba, Réva coniuga ospitalità, cantina e ristorazione con un progetto a sostenibilità integrale di grande prestigio.
Réva       Réva
Un agriturismo di charme, grandi vini di quel territorio Patrimonio Mondiale dell’Umanità che sono le Langhe e infine un ristorante dove ogni piatto è studiato per esaltare il gusto e i doni naturali di quello stesso territorio. Il tutto sotto l’egida della sostenibilità integrale, con la consapevolezza che sono le scelte di oggi quelle che decidono come sarà il nostro futuro. Siamo a Monforte d’Alba presso Réva Vino&Resort, prima struttura con cantina e ristorante che offre un’esperienza davvero immersiva nelle Langhe con un ponte tra l’accoglienza di lusso e la conoscenza diretta della vita quotidiana di questi luoghi, dei loro sapori, della bellezza paesaggistica, delle eccellenze enologiche, gastronomiche e artigianali. Così, Réva ha scelto un regime 100% biologico per la conduzione dei vigneti in alcuni dei più importanti cru di Langa e per la produzione – con etichetta propria – dei grandi vini del territorio: Barolo Docg, Barolo Docg Ravera, Barbera d’Alba Doc Superiore, Nebbiolo d’Alba Doc, Dolcetto d’Alba
Réva       Réva
Doc, Langhe Sauvignon Doc. L’intero resort – ricavato da un vecchio cascinale, la Tenuta di San Sebastiano – ha mantenuto l’architettura di una tipica casa colonica di fine XIX secolo, edificata attorno ad una grande aia dove sorgevano gli edifici produttivi e dispone di 12 camere con affaccio sui vigneti, di una piscina esterna con vista panoramica, di un campo da golf, di una piscina interna e di una moderna SPA ricavata dalle antiche cantine che utilizza acqua sorgiva (come tutto il resto della struttura) di proprietà prelevandola da una fonte autoctona. Sostenibilità integrale appunto, tenuto conto inoltre che Réva autoproduce il 100% del fabbisogno energetico tramite un parco fotovoltaico di 30Kw, che l’acqua calda è garantita dai pannelli solari, che il riscaldamento è fornito da una centrale termica alimentata a pellet e che perfino la strada che raggiunge il resort è biologica: niente cemento o asfalto ma un amalgama di pietra di langa e ghiaia impastate con acqua e resine naturali. Dove una volta c’era
Réva       Réva
l’officina di un fabbro si trova invece il ristorante FRE (fré in piemontese significa appunto fabbro), i cui menù nascono dall’armonizzazione dei prodotti del territorio, soprattutto quelli spontanei e selvatici, operata da chef Paolo Meneguz, con grande attenzione alla sostenibilità, alla territorialità e alla lotta agli sprechi. E naturalmente al Km più che zero, grazie a un orto e frutteto biologico dove si coltivano ortaggi, frutta di varietà antiche ed erbe aromatiche. Tanto che il menù del FRE non è composto di piatti ma di ingredienti che il cliente seleziona in base ai propri gusti per poi lasciare spazio alla creatività dello chef. E poi ci sono le “Esperienze”, servizi esclusivi e personalizzati che spaziano dalla ricerca del tartufo alle visite guidate nelle vigne e nelle cantine, fino alla scoperta della natura, della cultura e della tradizione delle Langhe a bordo di una E-bike. Insomma, tutto ciò che fa di Réva Vino&Resort un buen retiro rilassante e dinamico allo stesso tempo per vivere davvero la sua bellissima terra. //www.revamonforte.it
Réva       Réva