Tour nella Venezia meno conosciuta con i suggerimenti di chi se ne intende. Ecco i migliori “insider tips” firmati dalla storica famiglia Serandrei.
Venezia       Venezia
Vivere la città lagunare con una prospettiva originale: è quanto propone la famiglia Serandrei, da quattro generazioni nel ramo dell’ospitalità, partendo dai suoi Hotel Saturnia & International e Ca’ Pisani design hotel, due indirizzi d’eccezione nel cuore di Venezia. L’Hotel Saturnia & International ****S, antico palazzo patrizio di fine trecento, unisce l’eleganza raffinata di una nobile dimora della Serenissima al comfort moderno. Entrando in hotel si accede ad un’oasi di pace nel mezzo di Calle Larga XXII Marzo, la via delle boutique più prestigiose a pochi passi da Piazza San Marco. Da qui parte il nostro tour:

  • Scala Contarini del Bovolo, la scala a chiocciola più bella di Venezia. Si trova in Campo Manin ed è una sintesi di stili rinascimentale, gotico e veneto-bizantino
  • Palazzo Querini Stampalia: in Campo Santa Maria Formosa, la casa-museo è aperta al pubblico ed è uno dei palazzi veneziani più interessanti. Sede dell’omonima fondazione, il piano terra e il giardino sono stati trasformati da Carlo Scarpa nei primi anni ’60 in un paradiso modernista. La sua biblioteca è una preziosa perla culturale
  • La cioccolateria “Vizio e Virtù”: in zona Rialto, è meta immancabile per una sosta golosa e per corsi e degustazioni guidate. Da provare la favolosa cioccolata artigianale in tazza o sotto forma di pralina, tartufo o croccante
  • Le collane dei Fratelli Attombri (vicino al ponte di Rialto) sono il risultato di un sapiente lavoro artigianale dove risalta la raffinatezza del vetro in un gioco di maestria pura
  • Ospitata nell’elegante corte Barozzi, la galleria Caterina Tognon Arte Contemporanea è specializzata in visual contemporary art ed ospita numerose mostre temporanee e personali
    Venezia       Venezia
  • Per un aperitivo veneziano il bar Caravellino dell’Hotel Saturnia & International è una vera e propria istituzione ed è amato sia da turisti sia dai veneziani. Per il momento dell’aperitivo si può provare lo Spritz arricchito da un ingrediente segreto, accompagnato da gustosi spuntini ispirati al mare
  • Cucina locale e creatività: in zona Castello si trova Local (con l’accento sulla “a”) che ripropone la tradizione gastronomica veneziana rivisitandola con fantasia, avvalendosi dei prodotti della laguna e di tutto il territorio veneto
    VeneziaSituato nell’affascinante Sestiere Dorsoduro, nei pressi delle Gallerie dell’Accademia, l’Hotel Ca’ Pisani ****S è un delizioso indirizzo di charme e il primo hotel di design a Venezia. Se la struttura dell’hotel rimane quella di un palazzo veneziano tardo-medievale, gli interni sono tutti rivisitati in chiave modernista e art déco, con mobili originali creati su misura. E proprio Dorsoduro è il sestiere della Venezia più nascosta e delle calli silenziose. Questi gli indirizzi del cuore e le esperienze da non perdere a Dorsoduro secondo Marianna Serandrei:
  • Ca’ Rezzonico è un vanto del sestiere di Dorsoduro. I suoi visitatori attraversano sale e stanze affrescate e si immergono nella Venezia del settecento, tra opere di Tiepolo e Canaletto
  • Palazzo Fortuny: ad una sola fermata di battello dalle Zattere, nell’Isola della Giudecca si trova la famosa fabbrica di tessuti pregiati di Mariano Fortuny, pittore, scenografo, stilista e fotografo che scelse Venezia per fondare il suo impero. Lo showroom della fabbrica (ancora oggi attiva) è aperto al pubblico nei giorni feriali mentre i giardini sono visitabili su appuntamento
  • Indirizzo cult per generazioni di veneziani, la gelateria da Nico alle Zattere. Da non perdere il tipico gianduiotto: gelato di cioccolato gianduia accompagnato dalla panna montata
  • Un detour pomeridiano all’Isola di San Giorgio: per vivere il mondo del vetro si può visitare la fondazione Le Stanze del Vetro sull’Isola di San Giorgio, dove vengono organizzate bellissime mostre a tema in spazi meravigliosamente restaurati.
  • Provare bacari e cicchetti: nella piccola osteria ed enoteca Cantine del Vino già Schiavi a Rio San Trovaso si beve un bicchiere di vino in piedi, accompagnato da crostini di salumi e tartine cremose, attorniati dagli scaffali ricolmi di bottiglie, disponibili anche per essere acquistate. Piccola curiosità: Rio San Trovaso è uno dei due unici squeri – i cantieri per la costruzione e manutenzione delle imbarcazioni a remi – ancora funzionanti a Venezia
  • A cena in San Marco: dal Ca’ Pisani design hotel, attraversando il ponte dell’Accademia, ci vogliono solo 10 minuti per raggiungere l’Hotel Saturnia & International e il suo ristorante La Caravella, che si ispira alla tradizione marinara della città e del suo territorio. Da provare la granceola, le zuppe di pesce e i cicchetti di mare.
    (Info: hotelsaturnia.it, capisanihotel.it)
    Venezia       Venezia

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata